.

.

.

      Portale del Turismo Siciliano

Seguici su Facebook

 
 
 
 
 
 
 
 

 

 

   https://www.youtube.com/watch?v=R6zjRqSxH2w

 

...E vui durmiti ancora!  una poesia siciliana scritta da Giovanni Formisano nel 1910 e musicata da Gaetano Emanuele Cal. La prima incisione del brano musicale (detto mattutina, che cos si distingue dalla notturna, la serenata serale) del 1927. I realt pare che la poesia sia stata scritta per l'amante.

 

Nel 1910 il Cal ebbe modo di leggere i versi del suo concittadino, mentre era di ritorno da un viaggio di lavoro a Malta. La bellezza del testo lo colp al punto che nella sola durata del viaggio - una notte - ne compose spinto dall'ispirazione lo spartito per musicarlo. Tuttavia la versione musicata rimase solo un progetto personale e dovette attendere il 1927 per essere finalmente incisa a Firenze, presso lo studio fonico Mignani

 

Lu suli gi spuntatu ni lu mari

e vui bidduzza mia durmiti ancora,

l'aceddi sunnu stanchi di cantari

e affriddateddi aspettanu cc fora,

supra 'ssu balcuneddu su' pusati

e aspettanu quann' cca v'affacciati.

 

Rit- Lassati stari, non durmiti chii,

cc 'mmenzu a iddi dintra a 'sta vanedda

ci sugnu puru i ch'aspettu a vui

pri vidiri 'ssa facci accussi bedda

passu cc fora tutti li nuttati

e aspettu puru quannu v'affacciati

Li ciuri senza vui nun ponnu stari

su tutti cu' li testi a pinnuluni,

ognunu d'iddi nun voli sbucciari

si prima non si grapi 'ssu balcuni,

dintra li buttuneddi su' ammucciati

e aspettanu quann' ca v'affacciati

Rit- Lassati stari...

 

Traduzione

Il sole gi spuntato in mezzo al mare

e voi bellezza mia dormite ancora,

gli uccelli sono stanchi di cantare

e infreddoliti aspettano qua fuori,

sopra questo balconcino sono poggiati

e aspettano quand' che vi affacciate.

 

Rit- Lasciate stare, non dormite pi,

che in mezzo a loro in questo vicolo

ci sono pure io che aspetto voi

per vedere questo volto cos bello

passo qui fuori tutte le notti

e aspetto anche quando vi affacciate

I fiori senza di voi non possono stare

sono tutti con la testa penzolante

ognuno di essi non vuole sbocciare

se prima non si apre questo balcone

dentro il bocciolo sono nascosti,

e aspettano quand' che vi affacciate

 

Rit- Lasciate stare...

 

 

 
 
 
 
 
 
 
 

   Riproduzione riservata

Portale del Turismo Siciliano - quotidiano online - www.siculina.it

Testata giornalistica indipendente online - Registro Giornali e Periodici presso il Tribunale di CT n. 29/2003 

Editrice: Associazione Culturale - "Accademia di Arti e Culture" - R.O.C. n. 21595

Codice Fiscale: 90047080875 - direttore responsabile e direttore editoriale Rosario Rigano

                by Rosario Rigano