Patrimonio culturale: l’antico contemporaneo.

 

   Quando parliamo di beni culturali (mobili, artistici o architettonici), di patrimonio architettonico o di testimonianze che arrivano dalla storia, pensiamo all’antico ma un antico contemporaneo. Perché essere allora solo maledettamente razionali e fare solo sfoggio di date ed autori? Facciamo che sia un ritorno alla vita di quelle idee che concepirono quell’espressione di arte non verbale ma altamente espressiva, quella ricerca di estetica e della bellezza armoniosa intesa come critica della ragion pura.

   Un’opera d’arte è un “oggetto”complesso dotato di una doppia istanza storica ed estetica e di un’unità singolarissima. G. Simmel sosteneva : “l’opera d’arte ha un’esistenza al di là della realtà”, vive in uno spazio reale, ma è percepita come un mondo in sé chiuso. Pertanto riuscire a comprendere e rendere fruibile l’arte in genere, è cosa molto difficile.

   Il Bene Culturale, di quale natura esso sia, deve essere anche veicolo di promozione del sito, del luogo e del contesto in cui esso si trova.

   L’enorme patrimonio dei Beni Culturali della Sicilia, autentico museo a cielo aperto, aggiungiamo noi, quale irripetibile veicolo per la promozione della Sicilia tutta nel mondo.

   Ogni sito ha una sua personale storia quindi un percorso nel tempo, esso va individuato, comunicato, illustrato e valorizzato in ogni ambito sociale, a partire da quello scolastico, come “alimento” per la crescita culturale fonte di rispetto delle opere dell’arte e i luoghi in cui esse si trovano.

   Il monumento non può essere considerato memoria lontana, bisogna apprezzarne la sua attualità, il suo valore, il suo insistere nella vita di tutti i giorni, il suo entrare nei nostri pensieri, coscienti della sua maestà.

   Occorre insomma, rendersi conto che, un bene culturale, mobile, artistico o architettonico, può soddisfare direttamente il “bisogno materiale, spirituale e morale; ed appartiene alle tradizioni della comunità.

   L’insieme dei beni, rappresentato dal nostro patrimonio, è la nostra identità culturale; pertanto la conservazione diventa un’azione obbligata verso qualcosa che ci appartiene.

   A questo punto è bene investire anche il cittadino a proprie responsabilità e dire che ogni cittadino è guardiano e gestore del patrimonio artistico della propria città e, deve capire che fruire della bellezza di un monumento come di un paesaggio, è più di un valore, è benessere anche economico, anche perché è più semplice e meno oneroso salvaguardare che di sicuro restaurare.

   Gli enti culturali e le istituzioni hanno il ruolo di educare e stimolare con originalità  la percezione estetica del cittadino istituendo percorsi culturali a tema, in modo da sollecitare la partecipazione collettiva. D’altra parte per ottenere tale partecipazione occorre mettere in moto un processo democratico di informazione (info-point) e di pubblicazione; il bene artistico diventa una sorta di “prodotto” da sponsorizzare, per cui a tal proposito fondamentale è anche il ruolo dei mass media.

Rosario Rigano.

 

Pagina e link collegati a cura dell'Associazione Culturale editrice "Accademia di Arti e Culture".

 
 

   Riproduzione riservata

                 by Rosario Rigano