.
 
 
 

 

 

   Cosa si intende per turismo culturale

 

   L'Organizzazione mondiale del turismo ci ricorda che il turismo culturale rappresenta il 37% del turismo mondiale, e, inoltre, afferma che continuerà a crescere del 15% ogni anno. Con tutto questo interesse di mercato le destinazioni devono sfruttare ciò che rende la loro società unica e investire nello sviluppo di programmi di turismo culturale.

 

   Il turismo culturale permette ai viaggiatori di essere immersi in rituali e routine locali, portando via non solo le belle foto, ma anche i ricordi condivisi di esperienze uniche. Per le destinazioni, incoraggia le comunità locali ad abbracciare la loro cultura e stimola la crescita economica. Lo sviluppo di programmi di turismo culturalmente orientati incoraggia destinazioni per celebrare e promuovere ciò che distingue le loro comunità, e così facendo, offre l'opportunità per un autentico scambio culturale tra gli abitanti e visitatori. Ma perché ciò avvenga, occorre che il locale sia in grado di conoscere e trasmettere conoscenze e sentimento intrinseco di identità storica locale.

 

   L'emergere del turismo culturale, in pratica, la ricerca come oggetto di studio, risale agli inizi del XX secolo, ma solo nel 2002 il Consiglio internazionale per i monumenti culturali e storici pubblica una definizione formale come segue: "Il turismo culturale e storico-cognitivo in realtà è questa forma di turismo, che si concentra su l'ambiente culturale, che a loro volta possono includere attrazioni culturali e storiche di una destinazione o il patrimonio storico-culturale, i valori e lo stile di vita dei locali di popolazione, arte, artigianato, le tradizioni ei costumi della la popolazione locale. Inoltre, itinerari culturali e cognitivi può includere una visita o partecipazione ad attività culturali ed eventi, visitare musei, concerti, mostre, gallerie, ecc (Consiglio Internazionale dei Monumenti e dei Siti).

 

   Il turismo culturale è definito dalla Organizzazione Mondiale del Turismo (Rapporto OMC, 2012) come "viaggi, il cui obiettivo principale o concomitante è visitare i luoghi e gli eventi il cui valore culturale e storico ha risultato loro di essere una parte del patrimonio culturale di una comunità". Una caratteristica importante del turismo culturale, secondo questa definizione è il presupposto che visitando siti e gli eventi culturali e storici, relativi al patrimonio culturale non è necessariamente il motivo principale per il viaggio. In questo contesto, il turismo storico-culturale è raramente implementato in un look "pulito" e più spesso è combinato con altri tipi tradizionali e specializzati di turismo. Questa caratteristica sostanziale rivela opportunità per migliorare l'efficacia del turismo nazionale e regionale attraverso lo sviluppo del turismo storico-culturale - attraverso l'assorbimento e l'integrazione delle risorse storico-culturali nel prodotto turistico regionale e lo sviluppo su questa base di un marchio turistico regionale.

 

   La categoria chiave in questa definizione è il concetto di "patrimonio culturale", che comprende beni immobili e mobili intangibili e tangibili come "un insieme di valori culturali che sono portatori di memoria storica, l'identità nazionale e che hanno valore scientifico o culturale". Occorre che il Ministero individui un percorso per istruire le risorse umane locali o quantomeno sfrutti all'inizio quelle già esistenti per avviare un nuovo metodo di "accoglienza culturale".

 

 
 
 
 

   Riproduzione riservata

Pagina e link collegati a cura dell'Associazione Culturale editrice "Accademia di Arti e Culture".

                by Rosario Rigano