.

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

   A Jaci (Aci)

     

     N’cima a la timpa Jaci

tu stai accuffulata

e fai a tutti geniu

di tutti si stimata

     Lu nomu ti pigghiasti

di Jaci ca facea

l’amuri a fini tragicu

cu a bedda Galatea

     Si cunta ca u pasturi

assai vuleva beni

a Galatea, e pi idda

assai ni visti peni

     Pi farla addivittiri

cu' lu so friscalettu

Jaci spissu sunava

na speci di minuettu

     E idda cheta cheta

ascutava sti sunati

e n’da l’occhi si vardavunu

di veri ‘nnamurati

     N’giornu si n’accurggiu

di chistu n’omu scemu

ca tannu lu chiamavunu

lu ranni pulifemu

     Era bruttuni chistu

scinneva di li munti

era autu e grossu

cu n’occhiu ammenzu a frunti

      Pi a bedda Galatea

ci aveva na mania

vidennula cu Jaci

sinteva gilusia

     Tantu ca n’giornu n’fami

di colpu s’incazzau

e u pastureddu jaci

cu n’massu scafazzau

     Vidennu sta tragedia

dispiaciuti i numi

lu corpu mortu di Jaci

lu trasfurmaru n’ciumi

      E di tannu finu a ora

pi massimu principiu

lu sciumi scurri ancora

sutta lu municipiu.

     O Jaci bedda

si tutta na sciurera

du ntrizzu a stazioni

da rutta a la pirrera

     O jaci si bedda Jaci

o Jaci si bedda assai

cu n’autra cittadi 

nun ti canciassi mai

 

     Acireale: il mito di Aci e Galatea

     Secondo la mitologia, Acireale avrebbe preso il nome dal pastorello Aci che, sempre secondo la leggenda, in un tempo assai remoto, visse a contatto con il ciclope Polifemo. Vi traduciamo una bellissima poesia tramandata verbalmente di cui non conosciamo l’autore.

 

     Parla di una città posta in una bellissima posizione, sopra la timpa, quasi a strapiombo sul mare, con alle spalle verdeggianti colline e sullo sfondo il Mongibello (l’Etna), città che gode di simpatie da parte di tutti coloro che vi sono passati.

 

     Secondo la mitologia, Acireale prese il nome dal pastorello Aci che amoreggiava con la ninfa Galatea. Secondo il racconto, Aci era  innamoratissimo di Galatea, e per tenerla in allegria, s’improvvisava versi con il suo fischietto di canna. Lei, anch’essa innamorata, lo guardava negli occhi ricambiata.

     Purtroppo però, si accorse del fatto il gigante Polifemo (un ciclope) che anch' esso innamorato della bella ninfa Galatea, diventava gelosissimo vedendola ricambiare l’amore di Aci. “era molto brutto, scendeva dal monte, era alto e grosso con un solo occhio in mezzo alla fronte”.

      Accecato dalla gelosia, un infausto giorno, perse la ragione e con un enorme masso schiacciò il pastorello Aci.

     L’orribile tragedia non passò inosservata tra gli Dei, i quali mossi da compassione, trasformarono il corpo del defunto Aci in fiume che a tutt’oggi scorre proprio sotto il Municipio.

 

     Poi una piacevole descrizione del poeta mette in risalto le bellezze paesaggistiche della città alla quale si lega in senso affettivo per tutta la vita.

    

     Secondo Omero Ulisse con i suoi uomini sarebbe approdato nell’isola Lachea, definita isola delle capre. Secondo la leggenda i tre faraglioni sarebbero stati scagliati dal ciclope Polifemo, allorché accecato da Ulisse, non vedendolo più scagliò appunto alla cieca i tre faraglioni.

   

   In questa terra, dono della natura, martoriata da millenni, mito, leggenda e cruda realtà si intrecciano, si mescolano grazie alla fervida fantasia dei suoi abitanti che spesso dimenticano, lasciando prevalere il buon cuore e l'accoglienza.

 

Rosario Rigano 

 

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 
 
 
 
Agriturismi
Bed & Breakfast
Case vacanze
Ristoranti
Trattorie
Pizzerie
Creperie
Pasticcerie
Gelaterie
"Sfiziusi"
 

sei su www.siculina.it - Portale Culturale del Turismo Siciliano