.

.

 
Aree attrezzate

Strutture ricettive

Il tempio del vino

Sagre e miti

Alberghi

   Acicastello

Isola Lachea

 

     Il percorso che si snoda lungo il territorio castellese, è molto variegato, sia nei luoghi che nel tempo.

   Dalla colonizzazione greca alla colonizzazione romana, il territorio ha poi offerto, anche agli scrittori antichi, argomenti di cui narrare.

   Arabi, Angioini, Normanni poi, le verghiane memorie rasserenano il territorio e pongono la “riviera dei ciclopi” quale scorcio di territorio privilegiato di tutto il territorio isolano. L’isola Lachea, lì sono stati rinvenuti un’ascia litica ed una tomba a grotticella artificiale attestanti la presenza umana fin dalla preistoria; altro materiale ceramico testimonia la frequentazione romana e persino una fortificazione fenicia ad uso di culto bizantino.

   Rivisitare i luoghi dell’ispirazione del Verga, instrada il visitatore in un percorso letterario e lo invoglia a curiosare nella storia, nel mito e nella leggenda di questi posti, di questa gente.

   Luoghi di mare, Cannizzaro, Acitrezza con i Faraglioni miticamente interpretati come i massi lanciati dal ciclope Polifemo verso la nave di Ulisse, ma non solo, la collina trezzota porta nella tranquilla Ficarazzi dove, la scalinata “Duca di Furnari”, nella previsione di essere arricchita con disegni artistici raffiguranti “Gli antichi mestieri”, proposta dall’instancabile associazione locale – l’Isola che non c’è – domenica 18 marzo è stata “Infiorata” in occasione della “Festa di primavera”.

Rosario Rigano

Comune aderente alla Società consortile "Il Mare dell'Etna"

 

 

Portale del Turismo Siciliano - quotidiano online - www.siculina.it

Testata giornalistica indipendente online - Registro Giornali e Periodici presso il Tribunale di CT n. 29/2003 

Editrice: Associazione Culturale - "Accademia di Arti e Culture" - R.O.C. n. 21595

Codice Fiscale: 90047080875 - direttore responsabile e direttore editoriale Rosario Rigano

 

 
Eventi in città
 

Acitrezza: la pantomima

"u pisci a mari"

nel registro dei beni immateriali della

Regione Siciliana

 

Storica e caratteristica  la rappresentazione della pantomima, risalente alla metà del XVIII sec., de:  "U pisci a mari" che si svolge ad Acitrezza, ove i pescatori del luogo, in barca, mimano la pesca di un pescespada, sempre  rappresentato da un giovane nuotatore.

 
Le barche di legno trezzote nel REIS
Registro Eredità Immateriali della Sicilia
 
AcitrezzaCannizzaroFicarazzi